cerca

A Milano, in mutande, ma vivi

12 Febbraio 2011 alle 11:00

Mi sconvolge non esserci, ma se non avrete il mio corpo avrete l'anima mia, il mio cuore e tutto il mio intelletto. E non per Silvo Berlusconi, ma sopratutto per il nostro paese, per un ripristino del testo originario dell'articolo 68 della Costituzione, per una riforma della Giustizia degna di un Paese civile, per non rabbrividire dall'orrore e dal disgusto nel sentire questi fascistissimi moralizzatori da Inquisizione papalina che vogliono imporci, con violenza inaudita, senza esserne autorizzati o richiesti, il "loro breviario", "la loro sharja", che vogliono trasformare un peccato (me la vedo io con il mio Dio, tu fatti i fatti tuoi) in un reato. Eccoli i bardi del Papa Re, eccoli i veri lanzichenecchi, ecco i talibani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi