cerca

Al direttore

11 Febbraio 2011 alle 12:00

Caro elefantino, ho ventidue anni e la seguo fedelmente da un pò, ma mai come stavolta mi sembra che lei abbia colto nel segno. Finalmente una voce libera, vera, viva, fuori dalla noia delle mode e dalla violenza della banalità, perfettamente in linea con la regola dei samurai: "le questioni di maggior gravità vanno trattate con leggerezza". Mi unisco alla sua splendida iniziativa in mutande ma in contumacia, perchè non potrò essere a Milano, a dimostrare gioiosamente che la rabbia dell'Italia contro il Cav. è, con le parole di Oscar Wilde, "la rabbia di Calibano che vede il suo volto in uno specchio."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi