cerca

In mutande ma vivi

8 Febbraio 2011 alle 19:00

Aderisco con piacere alla piccola comunità di lettori "in mutande ma vivi". Sono un peccatore e pienamente cosciente delle mie debolezze, ma la mie vergogne le conosce solo il mio Signore e un po' anche mia moglie ed è per questo che chiedo al Direttore di avere pietà di me e di concedermi il permesso di partecipare alle futuri riunioni con i pantaloni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi