cerca

Ma che paese è questo ?

3 Febbraio 2011 alle 12:30

C'è voluto un po’ ma alla fine tutti sembra stiano convenendo sul fatto che sputtanandoci l'un l'altro non facciamo altro che rendere un cattivo servizio al nostro paese. Questa smania di voler di voler apparire, questa smania di aver necessariamente qualcosa da dire, questa incapacità di ognuno di stare al proprio posto e l'insolenza con la quale si cerca di trarre vantaggio e visibilità da vicende che potrebbero essere trattate in privato per il bene della grande comunità paese è qualcosa di veramente perverso. Il merito del sultano, del grande caimano, al di là delle sue debolezze delle quali comunque non ci chiede di farcene carico, è di averci fatto scoprire di quale e quanta perversità d'animo sono capaci i tanti( magistrati, politici, giornalisti, avvocati, sindacalisti, tuttologi) che non si fanno scrupolo alcuno di affondare l'Italia pur di non smuoversi dalle loro posizioni dominanti, di comodo, superpagate, che non pagano dazio e che si rinnovano senza che nessuno abbia mai la possibilità di verificare quanto bene o male abbiano effettivamente fatto al proprio paese. Tutti costoro farebbero bene per una volta a smetterla di essere politicamente corretti e farebbero bene ad assumere un ruolo diverso dalla parte in commedia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi