cerca

L'addio di un dittatore triste

2 Febbraio 2011 alle 13:00

Anche oggi, dopo i milioni di persone in Tahrir Square, nonostante il boicottaggio totale (voluto e non), Mubarak ha parlato ha issato mestamente ma con orgoglio la bandiera bianca. Ha chiesto pietá. Ha concesso tutto. Vede quei fantasmi di instabilitá che l'hanno portato al potere. si é sentito pervadere da un forse ultimo sussulto di nazionalismo. Egitto anzitutto. la storia lo giudicherá. Non vuole che morire nel suo paese, tutto verrá riscritto, regole parlamento. cerca di mantenere l'ordine cosi. Ma forse é troppo tardi. Vuole solo morire nella sua terra, per la quale ha combattuta ed ha "esaurito" la sua vita sta chiedendo ai militari di fare il loro dovere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi