cerca

Matti da patrimoniale /2

28 Gennaio 2011 alle 11:30

Passa quasi sotto silenzio Tv e stampa, Foglio a parte, la proposta di una patrimoniale per ridurre di un quarto il debito pubblico. Condivido l’opinione di Forte: Giuliano Amato, e il suo sodale Capaldo, è matto. Uno stato che discute senza far nulla di sprechi miliardari, eccesso di riporti politici, sprechi sanitari, pubblica amministrazione, enti inutili, province, chieda ai cittadini abbienti di contribuire è un colpo di stato soft. Rimettano in sesto il sistema con leggi non interpretabili contro ogni spreco, poi, forse, ne riparleremo. Hanno valutato questi contabili da strapazzo quanta fuoriuscita di capitali e fuga dalle banche provocherebbe una legge del genere? E’ lo stato che deve mettere al riparo i cittadini dagli abusi e dagli sprechi e non farsi promotore dell’inciviltà dello sperpero pro domo di qualcuno, mafie comprese. Senza rimuovere le condizioni che hanno permesso l’accumulo del debito, ritorneremmo presto nella condizione di partenza, perciò la proposta è fuori d’ogni logica economica ed etica. Il danno e la beffa, paga il danno chi ha subito danno. Vadano in parlamento, taglino tutto l'inutile e dannoso, salvino se stessi e l’Italia, invece che parlare di ragazze tutto il giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi