cerca

A proposito di memoria

28 Gennaio 2011 alle 17:00

Siamo sicuri, ma proprio sicuri che la persecuzione ebraica che ha portato a sei milioni l'atroce computo delle vittime, e quella di classe, che ha fatto schizzare le colonnine degli storici a venti milioni di kulaki eliminati, o a quattro milioni le vittime di Pol Pot, siano dovute al "nazionalismo e al populismo" - come con dubbia orologeria il nostro presidente ha fatto ieri per la giornata della memoria? Siamo certi che invece non si è trattato di degenerazione di ideologie di massa che hanno portato all'occupazione del potere da parte di sette autoproclamatesi elette, e che, con mezzi autoritari e polizieschi, e soprattutto grazie all'uso indiscriminato di leggi speciali, combinato con l'operosità delle procure di allora (tribunali speciali e tribunali del popolo, le polizie e la delazione di massa), e quindi con evidenti complicità nelle "competenti" sedi di giudizio instaurò una dittatura terroristica della legge, prendendo spunto dalla degenerazione Robespierriana? Le pianificazioni di Hesse, Goebbels, Heydrich e altri, e le decisioni del politburo varate da Stalin e Beria a me sembrano esattamente il contrario delle manifestazioni del primo fascismo, o dei marinai della Pothemkin, unici accostamenti storici al "populismo" e dunque forse accettabili nelle dichiarazioni di ieri di Giorgio Napolitano, ma cose ben diverse dal "terrore" di cui ieri si doveva celebrare la memoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi