cerca

E se Berlusconi fosse vittima dei news value?

25 Gennaio 2011 alle 12:00

Come un movimento circolare, la carriera politica di Berlusconi sta pian piano ritornando al punto di partenza del 1994, a chiusura del cerchio, e questa volta non in senso positivo. Sembrerebbe infatti che il premier sia vittima della stessa forza che lo ha generato. Certo, la capacità di B., non solo di saper comunicare, ma anche di dominare sapientemente i ritmi dei mass media, imponendo agli avversari l'agenda comunicativo-politica incamerando un altissimo consenso personale, hanno fatto tanto, ma non è questo che ne sta determinando la sua disfatta e non è solo questo che gli ha permesso di regnare. In realtà, il consenso dei soggetti che ne condividevano il potere e lo sostenevano (confindustria, rappresentanti del ceto medio, banche, etc.) hanno deciso la fine dell'interregno Berlusconiano per designare il successore attraverso lo stesso "arcana imperii", ovvero risuonare la "sua notizia" per condurlo al declino e all'uscita di scena. il successore verrà designato con lo stesso strumento pertanto è opportuno leggere attentamente i quotidiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi