cerca

C’era una volta

19 Gennaio 2011 alle 09:30

C’era una volta un manager brillante che aveva realizzato le sue fortune basandosi su un grande dinamismo imprenditoriale e una singolare capacità di immaginare soluzioni innovative. Un giorno decise di mettere queste sue qualità al servizio del suo paese , sottovalutando, forse , la differenza tra il governo della cosa pubblica e la gestione di un’impresa. Comunque scese in campo e scompigliò la piazza ,liberò la politica dai vecchi cascami della Prima repubblica, si aggregò con un altro partito ,creando intorno a sé un consenso senza precedenti. Pur essendo spesso in ritardo con gli impegni e conducendo uno stile di vita tutt’altro che irreprensibile, le sue capacità di recupero e il suo ottimismo lo facevano apparire sempre vincente e i risultati elettorali gli davano ragione. Ma si arrivò ad un certo momento in cui i debiti morali e politici acquisiti nei riguardi dei suoi e del Paese superarono la sua capacità di poterli onorare al punto che neppure i suoi cortigiani riuscirono più a giustificarli. Il suo socio, per salvaguardare i suoi obiettivi personali, prese le distanza, fino a quando non si arrivò alla notte dei lunghi coltelli in cui si consumò definitivamente la fine del sodalizio.“Che fai, mi cacci?” disse il socio . E l’altro: “Che fai, mi sfiduci”. Sembrava l’ultimo atto di una lite tra amanti che non si amavano più o che non si erano mai amati. Invece era il litigio tra due politici cui la destra italiana aveva affidato il governo del paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi