cerca

Le convergenze parallele

18 Gennaio 2011 alle 12:50

Semplifichiamo le percezioni. BERLUSCONI. 1) E’ un uomo divertente e gli piace divertirsi. 2) Ma un Presidente del Consiglio può essere tale? 3) Si, ma con la misura e la classe che un leader di un paese come il nostro meriterebbe (quindi difficile da individuare il livello di classe e di misura). 4) Ormai però sembra che stia esagerando. 5) Peggio. Soprattutto reiterando. 6) E che non abbia capito che, come si dice al tavolo da poker: "Se sei incudine statti, se sei martello batti". 7) Sulle donne ormai mi sembra più incudine che martello. 8) Si dia una calmata, please. La MAGISTRATURA. 1) E' spesso deprimente e ama deprimere. Vojeur dei fatti privati. Anche di Berlusconi. Anzi soprattutto di Berlusconi. 2) Ma il potere giudiziario può comportarsi in maniera tale? 3) No, neanche con misura. E lo fa pure senza classe. Perchè è un ordine e non un potere. Perchè non può incistarsi attorno ad un potenziale imputato e “strapanarlo” fisicamente. Fino a trovare qualcosa che non va. Per liberarsene politicamente. 4) Mi sembra che la magistratura stia esagerando. 5) Ed anche reiterando. 6) Se stesse al tavolo di poker, direi che in questo momento le procure non sono incudine ma (falce) e martello. 7) Si diano una calmata. Please. Vi prego. Perché alcune volte mi viene voglia di mandare al diavolo tutto e tutti. Sogno di vivere sereno senza incudini, senza martelli, senza Berlusconi, senza magistratura. Sogno. A proposito, io vedo. Ho una coppia di assi e otto. La mano del morto. Sono maniscalco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi