cerca

Libertà e responsabilità

14 Gennaio 2011 alle 13:30

Giovanni Paolo II° augurò agli operai dei cantieri di Danzica, in lotta libertà e verità, di fronte allo statalismo comunista, di lavorare, pur dipendendo, come se fossero in proprio, stesso cuore e stesso spirito. In fondo è ancora questo che viene chiesto agli operai della FIAT: assumersi il rischio di una scelta, da uomini liberi e responsabili, valutando costi e benefici, con le conseguenze implicite che ne scaturiscono, così come ogni imprenditore compie con dignità ogni giorno, accettandone i rischi. Qualcuno contrabbanda come diritti, una concezione riduttiva, ultimamente perdente e anacronistica della classe operaia, che si vorrebbe ancora relegare ad un ruolo non partecipativo, subalterno e in definitiva servile. Giovanni Santachiara.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi