cerca

Alcuni dubbi Fiat–Governo

13 Gennaio 2011 alle 20:30

Ma veramente, in caso di sconfitta al voto referendario, Marchionne chiude gli stabilimenti e se ne va? Se è vero che una vittoria di Fiat e di quei lavoratori che intenderanno aderire a "Fabbrica Italia" può aprire scenari nuovi nei rapporti interni tra mondo industriale e sindacale, ed al contempo dare un segnale di rinnovamento per il mondo della finanza e dei possibili investimenti di capitale provenienti dall'estero, è verosimile che il Governo italiano possa, in un passaggio definito per certi aspetti epocale, permettersi l'inerzia o la mera controfigura di tifoso o suggeritore, quando un'eventuale dipartita di Marchionne significherebbe trasferire sul paese un grave problema di carattere sociale ed economico (gli operai disoccupati da mantenere), e dare all'estero l'idea di un Paese non solo incapace di modernizzarsi ma di arretrare al punto da non riuscire a trattenere le sue capacità produttive, composte da impresa, finanza, e forza lavoro? E' possibile insomma che il Governo possa restare interte o disinteressato attore, se la posta in palio è veramente questa, una partita che a detta degli osservatori ci dovrebbe portare a nuove forme di relazione sindacale, ma nel contempo rischia in caso di vittoria dei no di rigettarci nella notte dei tempi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi