cerca

L'abito non fa il monaco

9 Gennaio 2011 alle 10:30

Viene fatto di dare molta importanza all'abito: Cachemire o Pura lana vergine. Intendendo di connotare vizi o virtù dalla natura della lana. La solita apparenza che, o tenta di farsi sostanza o di nasconderne l'assenza. Come le dame di corte del 1600, che invece di lavarsi si cospargevano di profumo. Però, così poetava Giuseppe Giusti nel 1846, "...questo secolo, vano e banchiere, in cui dell'essere, val più il parere", il fascino del look gioca ancora la sua parte. Basterebbe solo trattarlo con un po' d'ironico distacco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi