cerca

Il filo rosso

6 Gennaio 2011 alle 20:30

Con una certa distanza dai fatti è opportuno fare una riflessione sulle prese di posizione della Fiom a proposito della Fiat e sui movimenti studenteschi a proposito della legge Gelmini. Sono due vicende apparentemente lontane ma in effetti unite dallo stesso fil rouge. Esistono a sinistra forze sicuramente non moderate che oggi non trovano alcuna rappresentanza in Parlamento ma che pure hanno una loro significativa presenza nel sindacato e nel mondo giovanile. Questo comporta che le battaglie che queste forze combattono nelle piazze e nelle fabbriche hanno solo in parte a che vedere con i temi che apparentemente rivendicano, perchè sono piuttosto espressione di una contestazione più generale che non di rado sfocia nella violenza. Ritengo perciò che sia necessario ed urgente farsi carico di questo problema e questo è un compito che spetta soprattutto alla sinistra ,di cui questi gruppi sono comunque un’emanazione. Molti ricorderanno che in passato aver ignorato sul nascere certe radicalizzazioni nel comportamento della sinistra cosiddetta antagonista ha portato ai disastri che tutti sappiamo. Continuare ad ignorare questi fatti significa essere condannati fatalmente a riviverli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi