cerca

Il figlio dell'avvocato e il picchiatore precario

21 Dicembre 2010 alle 17:00

Si è costituto il picchiatore ventenne col casco che durante la manifestazione del 14 dicembre ha steso un ragazzino che gettava ortaggi contro un blindato dei carabinieri. Chiaramente non è uno sbirro nè un black block nè un fascista. Dice di essere un pizzaiolo precario di sinistra che si era improvvisato parte del servizio d'ordine della manifestazione. Al netto di eventuali studiate strategie difensive la storia potrebbe essere paradossale:durante una manifestazione violenta contro un governo di destra che vuole attuare una riforma dell'università,il figlio quindicenne di un avvocato getta verdura contro i carabinieri proletari e viene picchiato da un precario che non vuole che la violenza degeneri ( e lo fa con la violenza) C'è qualcosa che non và. Così saltano tutti gli schemi del progressismo al caviale all'italiana. Ma come non erano tutti precari? Non erano tutti pacifisti e pacifici? Non erano tutti assetati di un futuro che gli viene tolto? No. La realtà è come sempre più banale e disperata della rappresentazione artefatta. Quel movimento è uno spaccato della gioventù italiana. Una gioventù in cui la violenza è una pratica accettata (anche gettare ortaggi ai carabinieri è una forma di violenza seppur infinitamente meno grave che tirare un casco in faccia al prossimo)e giustificata dai genitori e professori(Dobbiamo capirli: hanno la pancia vuota. In Italia? a quindici anni?)tranne quando la esercita lo Stato (allora polizia assassina!). Una gioventù che pretende gli si tolgano le castagne dal fuoco nei momenti di difficoltà economica e sociale (senza dare nulla in cambio). Una gioventù viziata che sa di poter contare su genitori o su autorità comprensive che mettono tutto a posto. In merito all'episodio che da il titolo io credo che siano colpevoli entrambi (tantissimo il precario, un pochino il quindicenne)ma passeranno per vittime grazie al conformismo giustificazionista. Ma sarà il mondo grande e terribile a non giustificare la loro generazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi