cerca

Chiacchere & fatti

21 Dicembre 2010 alle 13:30

Ripresa la seguente notizia: "La notte di Natale mi uccido. Sono disperato, la mia vita è stata inghiottita dal racket". È l'appello di un imprenditore calabrese, da 40 anni a Milano, vittima del giro di estorsioni della 'Ndrangheta dagli anni '90 a oggi. L'uomo ha denunciato tutto alla magistratura ma l'incubo non è mai finito. L'ultima minaccia risale a un anno fa, quand'è stato rapito e pestato nel centro di Milano. "Il mio coraggio non è servito a niente - denuncia l'uomo - ."Ho perso tutto ed è ora di farla finita". L'imprenditore rivolge un pensiero al Pubblico Ministero Ilda Boccassini che, qualche giorno fa, ha usato parole dure contro l'omertà degli imprenditori: "Altro che omertà...chi denuncia tutto, come me, viene abbandonato". Probabilmente il pm si riferiva all'omertà per le notizie riguardanti Berlusconi, il resto non gli interessa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi