cerca

Internet-Welfare

20 Dicembre 2010 alle 10:30

Andrea Ballarini propone una specie di Internet-welfare, socializzando e fiscalizzandone l'uso. Sacconi potrebbe diventare il Ministro della rete Internet come diritto costituzionale garantito e dunque al pari della salute, del lavoro, della pensione,ecc. Che la rete sia un'espressione di libertà non vi è dubbio ma mi sembra solo nel senso della possibilità di comunicare con tutti, di esprimere le proprie opinioni, per esempio tramite i blog, ma l'uso, la fruizione di notizie o di svago o di cultura non è poi così diversa da quella di giornali, libri, CD, cinema, teatro e quant’altro. Anche questa dovremmo allora fiscalizzare e socializzare? Non vorrei che per garantire certe libertà si finisse per applicare criteri che niente hanno a che fare con principi liberali ma piuttosto con principi collettivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi