cerca

Sotherby's

12 Dicembre 2010 alle 10:00

Che alla Camera si gareggi per trovare un posto a corte nelle situazioni febbrili per la repubblica non è uno scandalo; l'incanto è una formula liberale per lo scambio di merci o consensi (che è la stessa cosa). Non è grave che deputati e senatori simulino o dissimulino le loro intenzioni di voto temendo l'accusa di corruzione, perché la democrazia non riceve danno dai corrotti, ma dagli ambiziosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi