cerca

Falso in bilancio/12

11 Dicembre 2010 alle 09:00

Ho votato PDL, però il falso in bilancio così com’è concepito dalla legge avvantaggia oggettivamente i “falsari”. In una società per azioni non quotata in borsa, ad esempio, è difficilissimo venire a conoscenza di malversazioni, complice spesso, statuti impenetrabili. Nell’ipotesi di averne sentore, il danneggiato non ha altra strada che intraprendere un’azione legale con tutti i rischi annessi e connessi ivi compreso una durata infinita del processo. Un singolo contro una società, chiedete ad avvocati amici, è un rischio veramente considerevole che pochi possono permettersi. Nella sostanza il legislatore per difendere la stabilità delle società contro abusi della magistratura, che ci sono oggettivamente stati, ha di fatto condannato le minoranze ad essere non tutelate avvantaggiando CDA opachi. La vecchia legge era pessima e questa non è da meno. Fintanto che non sarà corretto il rapporto fra magistratura e politica e fra partiti, non credo avremo leggi realmente utili per tutti. Agli amici di sinistra affermo che la loro idiosincrasia anti Berlusconiana, quindi al muro contro muro, non giova nemmeno a loro. Chi è di destra, come me, deve accettare che il rapporto con la giustizia è fortemente inquinato dalle pendenze del premier (che ritengo spesso fuffa). Questo stato di cose non permette tranquillità sul tema perché ogni modifica di legge diviene una guerra mondiale, costringendo il governo a ritirate strategiche e talvolta a leggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi