cerca

Legge elettorale: torniamo all'antico?

10 Dicembre 2010 alle 10:00

Egregio sig. Pasquini, se non ho capito male, Lei auspica un ritorno al vecchio sistema, quello del pluripartitismo. Insomma, in qualche maniera dovremmo tornare a quel sistema in cui i programmi dei partiti sono una specie di calza della befana in cui tutti inseriscono più o meno le stesse promesse: libertà, uguaglianza, giustizia sociale, progresso e via dicendo: insomma, il paradiso in terra. Infatti possono promettere questo, e altro, senza impegno e senza pericolo. Quando a una elezione concorrono molti partiti, nessuno vince; e quindi nessuno è obbligato, nemmeno moralmente, a dare esecuzione al proprio programma. Il programma vero lo si fa dopo, a elezioni avvenute. Lo si fa alle spalle e non davanti agli elettori. Lo si fa trattando le intese che portano alla formazione di un governo. Se il sistema spinge ad avere pochi partiti, l’elezione diventa decisiva e interessante, e i programmi elettorali divengono vincolanti per gli eletti. Nelle maggiori e più antiche democrazie (Inghilterra e Stati Uniti) ci sono due o tre opzioni che si confrontano e non mi sembra che da loro ci sia un difetto di democrazia, anzi. Lei mi potrà dire: ma noi siamo diversi, noi siamo quelli dei cento campanili. Ed io le rispondo: gli USA sono quelli dei diecimila campanili, costruiti da etnie, lingue, provenienze le più diverse; e il sistema funziona da 200 anni e più. Bisogna avere pazienza ed aspettare che un sistema si consolidi, senza trovarsi ogni tre per due al punto di partenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi