cerca

La malattia

28 Novembre 2010 alle 18:00

Oggi sul Resto del Carlino vi è un’intervista a Luigi Berlinguer, che fu Ministro della Pubblica Istruzione nel primo governo Prodi. Berlinguer avanza anche critiche alla Gelmini, ma nel contempo riconosce come l’impianto e alcuni importanti cambiamenti previsti dalla sua riforma siano sostanzialmente giusti. Il giornale riporta anche i punti fondamentali della riforma universitaria che fu presentata a quel tempo dalla sinistra. E’ abbastanza impressionante la sostanziale coincidenza con quelli della riforma Gelmini. Impressionante pensando alla radicalità e ai toni drammatici e disgustati, da ultima spiaggia per la democrazia, con cui tale riforma viene ora descritta e attaccata, non solo da gruppi di giovani esaltati ma anche sostanzialmente da tutti i leader e giornali di sinistra, ovviamente con Repubblica in testa. Questo meccanismo di sistematica e radicale modifica del giudizio sulla realtà non per quello che essa è ma sulla base di pure logiche di appartenenza e “convenienza” politica ed ideologica è, a questi livelli, una patologia terribile, che continua a fare danni gravissimi al paese, ma anche alla sinistra stessa. E io che, da comune cittadino, osservo questo fenomeno da ormai tanti anni non riesco ancora, forse ingenuamente, a capacitarmene; non riesco a smettere di domandarmi come è possibile che la sinistra non voglia o non riesca a guarire da quella che, mi azzardo a dire rischiando la troppa enfasi, è anche un po’ una malattia dell’anima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi