cerca

Letture dalla messa cantata/4

27 Novembre 2010 alle 09:30

Signor Di Mattia, sinceramente per me non è poi così irrilevante capire se un predicatore televisivo che lancia accuse pesantissime al governo sia o no un furbo paraculo in cattiva fede. Se vuole che parliamo di tutte le cose non fatte dal B. va bene. Ma la domanda che lei aveva posto era su Saviano e sulle sue specifiche affermazioni. Mi fa piacere constatare che lei riconosce che in effetti nessun ha depenalizzato il reato di falso in bilancio. Peraltro non vi è stato neppure nessun”rilassamento” sui controlli. Passando dal concetto di “reato di pericolo” a quello di “reato di danno”(mi scuso per i tecnicismi), si è piuttosto fatto in modo che non si debbano più aprire d’ufficio una miriade di contenziosi senza senso, che spesso si risolvevano a favore del contribuente, permettendo di concentrare tempo e risorse sui reati fiscali veri e rilevanti. Nessuno pretende che Saviano e la sx diano spiegazioni così. Ci accontenteremmo che, su temi tanto delicati, non dicessero balle che fanno credere che il governo ha favorito chi falsifica il bilancio. Su tempi di prescrizione e intercettazioni lei forse ha ragione: tempi lunghi di prescrizione (che peraltro in Italia sono ad oggi lunghissimi) e intercettazioni fatte con ampia libertà potrebbero portare a condannare e individuare più “cattivi”. Il problema, Di Mattia, è che noi fissati con il garantismo oltre che dei cattivi ci preoccupiamo anche dei “buoni”, degli innocenti che possono vedere la propria vita distrutta, violata e sputtanata. Per inciso , un processo che dura 15 anni (mentre, lo ribadisco, i nostri magistrati in media sono assai poco produttivi) è un problema relativo per un imputato ricco e potente, è un problema immenso per un comune cittadino. Buona la battuta su Tremonti, ma rimane il fatto che “il volto noto” sostiene un ministro che l’evasione fiscale la sta perseguendo con decisione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi