cerca

Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

25 Novembre 2010 alle 19:00

L'ultimo sabato di novembre di due anni fa ero fuori dal supermercato a distribuire sacchetti e volantini per invitare le persone a donare una parte di spesa per i più poveri. Ad un certo momento è arrivato un uomo; era vestito male,con la barba incolta e la puzza di sporco e alcol. Tra me ho pensato fosse inutile invitarlo a fare la spesa per i poveri e, infatti, non gli ho consegnato il sacchetto. Dopo alcuni minuti è uscito, si è avvicinato a me, mi ha dato un bottiglione di vino e mi ha detto: "Sono sicuro che oltre al tonno e ai legumi, ci sarà qualche povero che sarebbe felice di ricevere anche una bottiglia di vino. Prima di salutarci mi ha detto: “In questo schifo di mondo, dove ho perso tutto, la famiglia e il lavoro, sapere che ci sono ancora persone che si interessano agli altri, mi dà speranza”. Il povero è un uomo solo. Condividere gratuitamente questo dramma risveglia il vero desiderio è nel cuore di ciascuno: essere amato."La Carità è il dono più grande che Dio ha fatto agli uomini perchè è amore ricevuto e amore donato” (Caritas in Veritate). Per questo vi invito a partecipare alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, perchè anche fare la spesa e donarla a chi è più povero è occasione di un immediato e positivo cambiamento per sé e quindi per la società.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi