cerca

Una prateria non un deserto

23 Novembre 2010 alle 12:30

Mai creduto nell’esistenza degli atei, riprendendo Chesterton. Uno che si pone la questione di Dio non può non credere solo al caso escludendo Dio senza avere un dubbio. Mentre fideisti e menefreghisti si annullano a vicenda, per nulla interessati alle opinioni altrui, ad alcun tipo di discussione, certi delle loro “verità”, in mezzo ad una sconfinata prateria si agita una maggioranza affamata di dubbi ed in ricerca grazie al dono della ragione, quelli che credono in Dio ma solo fino ad un certo punto, consapevoli che non si può arrivare alla certezza, al 100%, e quelli che non credono ma hanno un sussulto, un barlume, un dubbio di fronte a un avvenimento, una persona, quelli che non perdono la speranza, quelli dell’1% .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi