cerca

Apologia della Prima Repubblica/2

16 Novembre 2010 alle 11:30

Una gentile lettrice ha voluto spiegare a me ed altri che il rimpianto di Fini per i politici della prima repubblica era chiaramente dovuto al "bon ton" di allora, che contrasta con la maleducazione imperante oggi, per cui invece di dire "caro collega non la penso come lei" si dice "sei un maledetto imbroglione",ecc.ecc. fino a giungere all'insulto più triviale. Ora io sono certo che abbia ragione, infatti personalmente non guardo nessuna di quegli "stimolanrti " (sic) dibattiti, da quando Ferrara ha smesso di portare in TV prima e in radio poi, il suo modello editoriale. Debbo però comunque insistere e notare che proprio quegli anni ci hanno portato alla situazione attuale e quindi all'enorme debito pubblico, all' assenza di competitività (ricordate il 6 politico ?), alla dequalificazione dell'insegnamento, al parlar triviale,e così via. Di fronte a questi fatti cosa ci propone Fini, oltre che aggiustarci continuamente cravatta e bottoni vari ? Basterà aver cambiato il colre delle cravatte per convincerci a trovare in l'uomo che cambierà l'Italia (riportandola indietro nel tempo) ?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi