cerca

Il Giardino della Suprema Armonia Celeste e la Fenice

9 Novembre 2010 alle 15:00

La storia e' la stessa e si ripete dal 1994. Ora, si puo' certo predeiligere la lettura che vuole che Silvio Berlusconi non e' stato capace. Ma sembra una strada comoda, una spiegazione che altri, suoi competitors e avversari trovano conveniente dare, salvo attenderli a quando toccasse a loro, per vedere cosa e come faranno per aggirare o affrontare le problematiche che stanno nell'architettura del Governo della Repubblica. Quando penso a questo governo "fittiziamente" arrivato alla frutta, penso anche a quelli di Prodi e a quelli di quando Casini era alleato di Silvio e presidente della camera: la situazione era piu o meno la stessa. Allora, sinceramente, viene da pensare, rabbrividendo, che il problema non sta affatto in un premier - che, egocentrico come e', avrebbe dato 10 anni dei novanta che ancora gli riescono da vivere pur di portare a casa risultati importanti! - ma e' il sistema con cui il governo viene esercitato. E ugualmente viene da chiedersi, supponendo che alla presidenza salga qualcun altro: non succederà la stessa cosa? Perchè con qualcun altro a Palazzo Chigi, il Giardino della Suprema Armonia Celeste, miracolosamente, dovrebbe sostituire l'orticello parcellizzato, che viene usato per descrivere, come loro cifra caratteristica, Goveni e Parlamenti, Parti Sociali e Istituzioni dell'ex Belpeaese. Insomma quello di Silvio e' un vero governo di "insuccesso". Ma qualcuno ha forse visto ultimamente (Dal 1953 a oggi) l'Araba Fenice: qualcuno si ricorda di un bel governo italiano di successo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi