cerca

Scazzi amari

19 Ottobre 2010 alle 11:20

L'avvocato difensore della cugina della povera ragazza uccisa dallo zio, quando i giornalisti gli hanno chiesto come mai, a suo parere, il padre avrebbe coinvolto la figlia nell'omicidio, ha risposto: "Uno che ha ammazzato la nipote non volete che possa fare anche questo?". Come se i due atti (ammazzare la nipote che non accettava le sue profferte e sostenere che sua figlia è stata complice materiale nell'omicidio) avessero la stessa valenza. Basta pensarci un attimo e si capisce che non è proprio così. Ma quell'avvocato, c'è o ci fa? Ci tenta, probabilmente; facendo il suo (non pulitissimo) mestiere. Come se la vicenda, comunque vada a finire, non fosse di per sè già abbastanza terribile e squallida.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi