cerca

La miniera che riconcilia con la vita/ 2

15 Ottobre 2010 alle 22:00

Si, è proprio così, nella vita c'è una speranza e vale proprio la pena vivere, anche e soprattutto per tutti coloro che una vita da vivere non ce l'hanno più. E' ancora troppo viva la ferita dei nostri militari morti e tante altre tragiche notizie ogni giorno colorano di nero le pagine dei giornali, ma una parola di speranza eterna e vera è stata pronunciata da duemila anni orsono. Il sangue degli innocenti è stato raccolto nel calice di sofferenza e dolore da chi col suo sacrificio e col suo sangue ha salvato il mondo: Gesù di Nazaret. Da cosa e da chi verrebbe spontaneo chiederci siamo stati salvati? Il dolore, la morte, il male sono ancora presenti e ci sconquassano l'anima fin nel profondo, ma allora? Siamo stati salvati dalla paura di non riuscire a sostenere tutto questo,dal terrore paralizzante che non ci permetterebbe più di alzarci al mattino ed essere felici di esistere, di poter ammirare il sole che sorge, di ricevere e donare amore ai nostri cari, di stupirci dinnanzi ad una vita che nasce, di gioire davanti all'immagine di un figlio che con ansia aspetta di poter riabbracciare suo padre intrappolato per settimane nel cuore della terra!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi