cerca

Roberto Israeliano

13 Ottobre 2010 alle 19:40

Il profluvio di insulti e auguri di ogni male riversatosi su Roberto Saviano dalle insalubri paludi della sinistra cenozoica a seguito del suo sostegno alla recente manifestazione per Israele mi ha suggerito una metafora sportiva che si incastra alla perfezione con i fatti (i serbi) di Marassi. Chi simpatizza per Israele generalmente lo fa esprimendo vicinanza ad esso senza mai citare un particolare astio verso i palestinesi, definendo in tal modo un'opinione positiva che pone sopra tutto le ragioni di vita di quello stato (forse perché ne trova in abbondanza) e non un'avversione a chi lo combatte. Al contrario, chi sostiene le istanze palestinesi generalmente caratterizza la propria posizione in primissimo luogo dando spazio ai motivi contro Israele, invece di sostanziarla di convincenti argomenti a favore delle suddette istanze (forse perché scarseggiano). A pensarci, è la stessa differenza che corre tra un tifoso che va allo stadio per sostenere con passione la propria squadra e un altro che in curva ci va principalmente per urlare slogan contro l'avversario, godendo più della sofferenza di quest'ultimo che della gioia di un gol segnato dal proprio undici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi