cerca

Legge 40/ 4

6 Ottobre 2010 alle 16:10

Perdoni sig. Puglia, lei è un liberista? Io sì. E’ una premessa necessaria, capirà in seguito. Ho un bellissima bimba nata in provetta. Gioisce, piange, gioca, ride, corre, parla, pensa, è viva. Ora, secondo il suo "brillante" ragionamento, in nome dei diritti dello zigote, Lara, la mia piccola, non doveva nascere. A parte la (ovvia) rabbia/odio che il modo di ragionare che lei (e molti qui sopra) propone, genera, io le chiedo: ma è così difficile lasciare alla libertà di coscienza individuale certe tematiche? Non le condivide? Perfetto, lasci la libertà a chi invece non la pensa come lei di servirsene (ecco il liber-al-lismo). No perchè, sa, dietro il farmaco che lei assume per il mal di testa ci sono esperimenti mortali per scimmie, cavie, topi? E i loro diritti? Li difende a spada tratta come quelli dello zigote? Uno zigote non ride, non pensa, non comunica, non corre, non piange, non è triste, non è allegro, non pensa. Mia figlia sì. Le ho detto tutto. Lasci che chi vuol generare la vita (quella vera, non quella di cellule, altrimenti smettete domani di mangiar carne e prendere farmaci, ledereste i diritti di "materia viva"), lo possa fare. La legge 40 non è oscurantista più del modo di pensare che vi soggiace, come il suo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi