cerca

L’utopia del leggiadro bisonte

30 Settembre 2010 alle 20:30

Cercare di giustificare a ogni costo il rozzo “modus operandi” di taluni esponenti dell’attuale panorama politico del nostro Paese è un po’ come sforzarsi di ricercare leggiadre movenze all’incedere, naturalmente non aggraziato, di un bisonte: eppure, a dispetto d’ogni senno, questo è ciò a cui assistiamo da diverso tempo. Osserviamo come al volgare populismo che caratterizza l’azione di certi nostri parlamentari si accompagna spesso a un’altrettanto triviale modo di esprimersi, più consono alle prodezze verbali di una compagnia di beoni al culmine di una sbornia, piuttosto ai rispettosi tratti che dovrebbero caratterizzare le pubbliche dichiarazioni dei rappresentanti del popolo. L’aspetto singolare è però rappresentato dal fatto che ciascuna di queste “esternazioni” è puntualmente seguita dagli sforzi congiunti dei compagni di coalizione che, con straordinaria solerzia, si adoperano per cercare di stravolgere il senso delle (inequivocabili) parole pronunciate dal collega di turno, confidando sia nella complicità di mass-media indulgenti, sia, soprattutto, in un elettorato “poco pensante”. Un trionfo di quell’opportunismo populista a cui prima si è fatto accenno, un atteggiamento demagogico capace di raccogliere il peggio da certe regioni d’Italia, in quanto esclusivamente finalizzato al conseguimento di un grezzo apporto numerico-elettorale. Questo triste girotondo di vacuità intellettuale e povertà morale tocca poi il suo apogeo della palesemente iniqua distribuzione dei ruoli istituzionali, il più delle volte elargiti sulla base di un mero fattore di convenienza, piuttosto che in risposta a un qualche valore o competenza. Ogni persona comune, dotata di comuni doti morali e di un’altrettanto comune dose di intelletto, dovrebbe essere capace di scorgere in questo bailamme di pseudo-politica del “far male istituzionalizzato” i presupposti di futuri disastri ben peggiori, i chiari tratti dello stesso identico seme già germogliato in modo rovinoso in passato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi