cerca

Il trionfo del papa schivo contro il relativismo subdolo

27 Settembre 2010 alle 16:30

Il relativismo non è come l'uragano o il terremoto che ti costringono, dopo averti sbattuto a terra con violenza, a desiderare il sole e la quiete. E' piuttosto come la polvere sottile che lentamente ti inquina i polmoni fino a dimenticare che il respiro della vita è più ampio. La misericordia divina ci ha donato questo papa che con il suo sguardo mite ed umile e le sue parole taglienti come una spada, ci dice dove guardare: non a lui, ma attraverso di lui, ad un Altro. Perchè l'unica cosa che desidera l'uomo è la Verità. "Siamo stati pensati per conoscere Cristo."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi