cerca

Non è vero ma ci credo!

16 Settembre 2010 alle 15:00

Famoso il proverbio che Peppino spesso citava quando certi avvenimenti si ripetevano con insolita malignità. Nell'adottare tutta la mimica gestuale e gli strumenti apotropaici necessari per lo scongiuro, Peppino (De Filippo) si scusava, pudicamente: "Non è vero ... ma ci credo!". Sarà così per il cadreghino di presidente della Camera, da Pertini a Casini, a Bertinotti a Fini, non è che quella seggiola emani buonaventura. I suoi locatari, cioè quelli che vi hanno allogato le cluni per il "trionfo", dopo la seduta, hanno trascorso tempi oscuri e scialbi, non all'altezza di cotanto "trono". Sarà che la Nemesi intende equilibrare i doni che la Fortuna elargisce da bendata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi