cerca

La Bibbia in classe

16 Settembre 2010 alle 09:30

Il ministro Gelmini è favorevole alla lettura della Bibbia in classe. In tempi in cui dobbiamo imparare a convivere e a dialogare con persone di religioni diverse dalla nostra, è opportuno che attraverso il nostro Libro Sacro i ragazzi comincino a comprendere le origini e gli insegnamenti del Cristianesimo, su cui è stato edificato l'Occidente. La Bibbia contiene i nostri valori ed è Dio stesso che parla ai cuori e alle coscienze degli uomini. Conoscere bene le nostre origini è più facile confrontarsi con le altre culture. Apriti cielo! Riguardante la proposta, secondo il sondaggio del Corriere, quasi l'80 per cento delle persone interpellate sono contrarie. E'secca anche la replica del PD che tramite l'on.Ghizzoni della Commissione Cultura (cultura?)manda il ministro Gelmini a portare la Bibbia in consiglio dei ministri perchè nella maggioranza non vi sono valori, si spara sui clandestini ed è lecito prostituirsi per far carriera. Dunque, nè ora di religione, nè crocifissi, nè Bibbia in classe. Mi domando, ma noi, perchè ce l'abbiamo con Gheddafi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi