cerca

Israele nella UE?

16 Settembre 2010 alle 13:30

Israele conduce una lotta all’ultimo sangue per la propria sopravvivenza e non avrebbe nessun vantaggio a farlo con una mano legata dietro la schiena dai vari Parlamento Europeo, Corte di Giustizia, Commissione Europea ecc., organismi pensati per un continente che ha perso da decenni la nozione stessa di cosa significhi difendersi da nemici esterni avendo delegato in toto la faccenda –e i relativi costi umani ed economici- agli Stati Uniti. Se Israele entrasse nell’Unione Europea dovrebbe passare il suo tempo a difendersi, oltre che dalle bombe, anche da interrogazioni parlamentari, mozioni di censura, richieste di spiegazioni, commissioni di inchiesta. Fatti due conti, credo davvero che preferisca avere Hamas davanti che l’Europa dietro le spalle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi