cerca

In piedi

16 Settembre 2010 alle 21:00

Forse un miglioramento nell’apprendimento da parte dei nostri studenti potrebbe derivare dal rivoluzionario sistema adottato in alcune scuole tedesche. Via le sedie dalle aule, in piedi, scalzi, su morbidi cuscini in gommapiuma, con leggii al posto dei tradizionali banchi: i fautori della innovativa teoria pedagogica sostengono che stare in piedi non solo è salutare per la schiena, ma agevola la concentrazione. Del resto già i monaci durante il Medioevo copiavano i testi in piedi, così come sembra fossero soliti fare Goethe e Einstein. Finora non si è appurato se effettivamente l’apprendimento venga agevolato, sicuramente il clima in classe è più sereno, non regna la confusione, vi è più partecipazione da parte degli studenti. E poi le sedie sono solo accantonate e utilizzabili in seguito ad eventuali affaticamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi