cerca

A posse ad esse non valet consequentia

15 Settembre 2010 alle 08:00

Negli anni ‘80 Berlusconi avrebbe pagato il mafioso Vito Ciancimino: lo afferma il figlio del boss, Massimo, che avrebbe ritrovato copia degli assegni (lo scrive La Stampa). La stessa fonte cita di un pizzino del 2001 indirizzato al boss Provenzano dove si leggerebbe di 100 milioni di lire versati da Forza Italia alla mafia. Di una cosa siamo certi, che la fortuna di Berlusconi non poteva avere una origine mafiosa, a meno che non saltino fuori assegni decuplicati versati dalla mafia a Berlusconi. Travaglio prenda nota.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi