cerca

Ad una reazione equivale una reazione uguale e contraria

13 Settembre 2010 alle 08:00

Quello che accade in America è la dimostrazione che governare è arte per competenti. Approvare la costruzione della moschea a Ground zero ha creato un marasma nell’America profonda che solo l’insipienza d’Obama poteva concepire. I governi possono esprimersi come vogliono, ma la reazione, che sottende al principio di reciprocità, calpestato da tutti, si manifesta. In teoria bruciare libri considerati sacri da altri è un’azione stupida. La domanda che mi pongo spesso è questa: centomila cristiani uccisi ogni anno quando produrranno una reazione uguale e contraria? A prima vista l’idea sembra confinata in un futuro molto lontano, e forse lo è, ma ci sarà. Il pastore Jones attinge forza in questo “inconscio collettivo” e propone di bruciare il Corano. Non serve deplorare l’idiota di turno, occorre capire i fenomeni, gestirli per prevenire le reazioni. Sono monocorde, lo so, però infischiarsene dell’immigrazione selvaggia, in particolare mussulmana e torno a casa nostra, non provocherà accoglienza ma razzismo. Questo mi preoccupa. Certamente la sottovalutazione del fascismo islamico è il prodotto di un’incultura religiosa diffusissima (perfino in ambito cattolico), tuttavia non occorre interrogarsi sui dettami del Corano o sulle hadith del profeta per vedere la realtà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi