cerca

Il porcellum oligarchico

8 Settembre 2010 alle 22:00

Potremmo quindi credere che gli attuali parlamentari, nominati con il “Porcellum”, siano del tutto privi di quella legittimità democratica che solo la volontà popolare conferisce al singolo eletto? L’essere stati inseriti in liste compiacenti, perché così faceva comodo agli oligarchi che gestivano la partitocrazia, ed essere stati sottoposti al voto del popolo sovrano per la legittimazione democratica, è stata tutta una farsa la cui finalità era ed è esclusivamente il potere ad usum privatum paucorum? Dovremmo, quindi, concludere che questo Parlamento è abusivo! Di conseguenza qualsiasi iniziativa politica, gestita da questi parlamentari, essendo viziata ab ovo, ex ante, non può essere presa in considerazione e, paradossalmente, potremmo insinuare che la stessa figura del Capo dello Stato sia inficiata dal vizio di origine di quell’Assemblea che lo elesse. Naturalmente è un’iperbole che m’immagino soltanto per la smania di non apparire uno sprovveduto di fronte a certi accadimenti che travagliano la nostra vita democratica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi