cerca

Stephen Hawking/ 6

7 Settembre 2010 alle 12:30

A parte il fatto che lo scienziato nella sua nuova teoria sulla formazione dell'Universo ripete decine di volte la parola "fortuna" o "caso" per descrivere un'infinitamente complessa serie di eventi visto che non puo' spiegare assolutamente niente del Creato, ma soltanto descriverlo malamente... Per poi arrivare ad una conclusione che richiede molta piu' fede e molta meno logica rispetto a credere in Dio Creatore, ovvero che dal nulla si creerebbe spontaneamente un Universo ordinato, dal nulla il tutto, roba da matti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi