cerca

Il Sabba dell'Amore/ 2

7 Settembre 2010 alle 11:00

Il Sig. Bolsi come sempre esprime un punto di vista interessante per commentare la tappa 2010 della tournè di Gheddafi. Però sinceramente non mi sento di condividere l'immagine di un Berlusconi agnello sacrificale per il benessere economico e la salvaguardia etnica del nostro paese. Anche negli anni '70 la Libia entrò nell'azionariato FIAT, ma ciò non impedì a politici quali Andreotti o Craxi, che per inciso alla luce di quanto avviene oggi sempre più appaiono come dei giganti in un mondo di pigmei, di dimostrarsi più che fermi nel momento del bisogno. Del resto non siamo gli unici a dover combattere contro l'immigrazione clandestina, però non mi sembra di aver visto a Madrid Mohammed VI del Marocco impegnato a convertire starlette castigliane. Dopo ciò che si è visto qualunque musulmano non potrà che vedere l'Italia come il paradiso occidentale. Se anche fosse vero quel che dice il Sig. Bolsi, siamo sicuri che valga la pena per chiudere una frontiera di aprirne altre cento?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi