cerca

Stephen Hawking/ 4

6 Settembre 2010 alle 20:00

Nel suo ultimo libro Hawking con basi "scientifiche" elimina il creatore e sostiene che è stata la gravità a generare tutto ciò che esiste. Quindi la vita è frutto non di una volontà superiore ed intelligente o di un disegno divino, ma del caso, di qualcosa di non ben definito ed incomprensibile, o meglio non identificato. Quindi, se siamo nati per caso, possiamo anche morire per caso e l'universo tutto può implodere o esplodere in qualsiasi momento. E allora che viviamo a fare? E se non c'è un motivo specifico che ci fa vivere perchè siamo nati o dobbiamo continuare a vivere? Se io mangio è perchè ho fame, se nasce un bambino è perchè i genitori lo vogliono; ogni azione viene compiuta grazie ad una volontà che c'è a monte: quindi anche la creazione dell'universo deve avere una volontà dietro, altrimenti chi ha deciso che il tutto doveva avere inizio? Sarei curioso di sapere quale sarebbe la spiegazione che darebbe Hawking a riguardo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi