cerca

La monotonia come unica risorsa

27 Agosto 2010 alle 21:00

Il leader del PD, quale? ah!, Bersani ha scritto a Repubblica, lo sfogatoio degli sfigati. Propone di "…superare l'Unione e creare un nuovo Ulivo, mobilitando energie esterne ai partiti e contrarie al berlusconismo" e ripropone il governo di transizione. Irrefrenabili, incontenibili, inarrestabili, come puledri ebbri di libertà, irrompono gli applausi. Finalmente,un progetto, inedito, intonso, e una vision sono nati. Il canto possente del "Veni creator spiritus" erompe dalle risorte ugole democratiche. Sullo sfondo, ieratici e solenni, i canti gregoriani aggiungono maestosità all'avvenimento. C'è tutto? E' una quisquilia, ma, senza motore la macchina non si muove. Chi dovrebbe mettercelo? E’ chiaro: il “nuovo”. Introvabile soggetto che, fuggito da casa da oltre un secolo, quando lo chiamano: "Vieni, nuovo, vieni", neppure risponde perché nel frattempo ha cambiato nome. Nessuno lo vuol capire: ora si chiama "vecchio". Lo usano sotto mentite spoglie, in un ruolo che non è più il suo, poi la gente si lamenta, per forza! Si nota pure la mancanza di Veltroni, lui avrebbe detto: "We plant a very new tree". Sarebbe apparso, se non altro, più esotico. Il tutto sul filo del fascino tragico della doppia disperazione: quella dello spiantato che favoleggia sull'eredità della vecchia zia e quella dei creditori che, nella speranza di non perdere tutto, fanno finta di crederci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi