cerca

Attacco a Papa Ratzinger ?

27 Agosto 2010 alle 09:30

Se la cosa sia da intendersi come complotto concertato e organizzato, certamente no. Ma è innegabile che ci sia una tacita cordata trasversale e sotterrranea che ha saldato o sta saldando tutte quelle componenti anticristiane presenti in più settori, di matrice vetero o neo giacobina e non solo, in Occidente. Il problema vero è che mentre tutti questi settori pregiudizialmente ostili al cristianesimo hanno assunto (dopo gli anni '60) posizione dominante e maggioritaria all'interno dei media dell'editoria e della formazione scolastica, il Cristianesimo se ne è lasciato scalzare. Avendo, a partire da quegli anni, messo in sordina il Lògos, ha trascurato l'importanza della educazione severa della mente e dell'intelletto nella pedagogia e nella pastorale, ha trascurato il lavorio intellettuale e teologico capace di leggere lo spirito dei tempi alla luce delle Scritture, di riconoscere e condannare le eresie, di dare una "sua" versione profonda degli eventi e della storia. Con la conseguenza di non avere avuto più peso nella formazione delle classi dirigenti e intellettuali, se non a livello minoritario. La Chiesa e il Cristianesimo sono rimasti così afoni davanti agli attacchi del mondo, senza risposte adeguate in sedi che non siano di nicchia. E il Papa resta solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi