cerca

Ichino, Fiat e dintorni.

24 Agosto 2010 alle 16:30

La pagina 10 del "Corriere" del 23 è stata dedicata al Lingotto e alla vertenza con la Fiom in particolare. Il titolo dell'articolo di Mario Sensini è piuttosto neutro, ma quello apposto all'intervento di Pietro Ichino (per il quale nutro venerazione), mi ha lasciato interdetto ed ha stravolto il mio modo di procedere nella lettura del giornale: mi sono fermato a leggerlo subito, invece che alla fine di una rapida (ma attenta) scorsa. "Una radicalizzazione che oscura il piano Marchionne", mi ha fatto pensare ad un giudizio negativo sull'operato di Marchionne, confermato da una verità inconfutabile espressa all'inizio, a pagina 1: "L'ordinanza cautelare del giudice deve essere rispettata integralmente, anche se la si ritiene sbagliata". Ma Ichino non condanna e, infatti, scrive: "una scelta nella quale l'azienda ha probabilmente torto". Quel probabilmente la dice lunga: infatti la Fiat non mi sembra che abbia disatteso la decisione giudiziale (sulla quale, forse, gli stessi sindacati più seri hanno qualche dubbio, come lo stesso Ichino). Ma lo spirito e, sopra tutto, la sostanza dell'intervento del grande giuslavorista non lascia dubbi e mi limito a riportare solo qualche accenno, che potrebbe essere di stimolo per un approfondimento da parte di chi possa avere a cuore l'affare, di grande importanza (con la giustizia, la scuola e la Sanità), in questo Paese da rimettere in carreggiata: "non è pensabile che una multinazionale investa miliardi su di un piano industriale se questo è esposto al rischio di essere paralizzato dal veto di un sindacato minoritario", ma neppure non minoritario, direi io; "caso unico in Europa"; "in Europa solo la Grecia fa peggio di noi"; "l'amministratore delegato della Fiat ci fa un servizio prezioso"; "guerriglia giudiziaria". Solo una cosa non ha detto su questa vicenda (tralascio l'aggettivo): Marchionne dovrebbe essere "radicale", sì, nel senso che dovrebbe portare la Fiat via da questa gabbia di matti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi