cerca

Vivere la politica con carità cristiana

18 Agosto 2010 alle 20:30

"La politica è sangue e merda" diceva Rino Formica negli anni '80. E Bismarck: " Quanto meno la gente sa come si fanno le leggi e le salsicce, tanto meglio dorme." Vivere la politica non è molto diverso da come si vive la vita quotidiana. Anche la realtà è fatta di "sangue e merde". Egoismi, carrierismi, raccomandazioni, relazioni, amicizie, tradimenti, separazioni, uccisioni. Faccio il male che non voglio e non faccio il bene che voglio, diceva San Paolo. E' il peccato originale. La buona volontà non basta per fare bene bene il mestiere di politico, marito o padre. Certo, è già qualcosa, la buona volontà e il desiderio di cercare il bene per sè e per gli altri. Tanto di cappello. Ma è un po' debole e direi anche ipocrita la posizione di colui che crede di bastare a se stesso per costruire qualcosa di bello e duraturo. Prima o poi capitano cose che sono indipendenti dalla nostra volontà. E allora che facciamo? Non facciamo più niente ? Ci chiudiamo in casa per non sporcarci mani e piedi di fango? No ! L'uomo, se non è completamente rincoglionito esce, rischia, si becca uova e sedie. E' fatto così; di desiderio di felicità, di giustizia e verità. E Dio si è commosso. Si commuove per Ulisse. Colui che è senza peccato si è fatto tutto simile all'uomo, tranne per il peccato, e ha preso su di Sé le nostre debolezze. Riconoscere in tutte le cose la carità che Cristo ha per noi, beh, cambia la veudto sulla realtà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi