cerca

Libertà religiosa in America

17 Agosto 2010 alle 19:48

Quando si parla di libertà religiosa in America si tace un equivoco evidente: i padri fondatori ritenevano libera la religione cristiana in tutte le sue multiformi versioni o, al massimo, ma la cosa è dubbia, la tollerabilità di qualche sinagoga. L'idea che ci potesse essere in futuro una presenza musulmana in America sarebbe stata percepita esattamente come la presenza di una colonia da Marte. Lo prova il fatto che la religione del grande spirito (Manitou) dei nativi è stata estirpata con ogni mezzo e i praticanti con pazienza ricondotti alla ragione e alla vera fede. I riti pagani delle tribù pellerosse rimangono solo come fenomeno folcloristico nelle riserve , che, a stretti termini di legge, sono territori extra nazionali. Da nessuna parte negli stati uniti ci sono templi e altari alle divinità Sioux o Apaches e si fossero verrebbero abbattuti con orrore dall'opinione pubblica. Una religione come quella musulmana è evidentemente incompatibile con i principi fondanti la libertà americana. Può essere praticata nel segreto della propria casa, ma certamente non può essere riconosciuta come parte dello spirito della nazione americana e pubblicamente approvata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi