cerca

Fare. O almeno lasciar fare. Il futuro verrà...

13 Agosto 2010 alle 16:30

Sarà che la vicenda Tirrenia (compagnia di navigazione) è un mio vecchio pallino per le troppe volte che l'ho dovuta prendere, maledetti, ma la notizia che non sono riusciti a venderla a nessuno, nemmeno ad una società partecipata dalla regione Sicilia cioè di nuovo, e sostanzialmente, a noi cittadini, e che ora la compagnia si ritrovi ufficialmente dentro la procedura di insolvenza, beh davvero fa disperare. Ma come, sono decenni che è sull'orlo del fallimento dopo essere stata ed essere tuttora sull'orlo del disgusto di migliaia di italiani che se ne sono serviti soprattutto per le tratte Sardegna-Continente. Niente, finalmente la mettono in vendita ma è talmente malridotta che nessuno se la accatta. Chi vuole la Tirrenia? Nessuno. Morale del cavolo ma mi scappa: in Italia non si realizza nulla, siamo sterili. Eppure vedi un sacco di gente che gira, che briga, macchinoni, affaroni, milioni in vacanza, sembra un paese in movimento, un paese dinamico, come si dice. Tutta fuffa, le cose serie, ordinarie, da bravi padri di famiglia non riusciamo a farle. Troppo noiose? Forse si. Cosa direste ad un vostro figlio che deve fare una cosa importante e rimanda di continuo, sino a quando subisce un grosso danno proprio per non averla fatta? Facciamo (anche) le cose serie. Il futuro verrà, magari non sarà divertentissimo, ma verrà e al limite gli daremo un altro nome.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi