cerca

Der senzo commune

10 Agosto 2010 alle 12:00

E' mejo avecce al governo un ricco, che cia' i sordi e le case de suo, cosi' non cia bisogno di ruballe (a noantri). E' mejo super-ricco cosi' almeno non passamo er tempo ad inviadiallo. E' mejo uno che sta tanto in arto che pare inarivabile, sinno' lo farebbero subbito fora. E' mejo uno che parla come magna de uno che parla, parla, parla e co tutte ste chiacchiere magna alla faccia nostra. E' mejo uno basso perche' me lo fa sta sta piu' simpatico. E' mejo uno che sa racconta' le barzellette. E' mejo uno che nun se mette la cravatta rosa. E' mejo sta su li giornali pe' esse un toro da monta che pe' di' de da' er nobel a internette. E' mejo avvecce jamici che te dicheno che stai a sbaja de quelli che se buttano ar fiume dietro a te. E' mejo fa er presente der futuro: perche' l'ovo che ciai oggi domani nun ce potrebbe sta. E' mejo avecce du peli in testa che li grilli. E' mejo sbaja strada, arrivacce in fondo, uscirne e nun pensacce piu', che imboccalle tutte pe' trova' quella giusta e torna' sempre indietro. E' mejo avecce tre televisioni che tre compari come Bocchino, Granata e Raisi. E' mejo esse del Milan, anna' in tribbuna a San Siro, che della Lazzie e anna' in Montemario all'Olimpico. E' mejo esse visto a Villa Certosa che nell'androne dell'appartamento a Boulevard Princesse Charlotte. E' mejo vive 16 anni da leone, non tutti nella gloria, che quarche mese da sciacallo. E' mejo uno che te resta amico puro dopo anni che sei stato condannato dalla giustizzia, e che nun te tradisce, de' uno che lassa pe' strada er cognato dopo che ja tenuto bordone, pe' evita' de essece mescolato. E' mejo che uno che je piacciono le donne, che tanto ognuno cia' un vizzietto: mejo le donne, che er gioco, er vizzio de rubba' o, peggio, beve. E' mejo uno divorziato che non cia' 'na moje che je tritura i cosiddetti solo pe' sistema' in qualche modo li parenti sua.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi