cerca

C´è chi è capace di uccidere e distruggere/ 2

31 Luglio 2010 alle 13:00

“…La veritá di una vita votata alla stupiditá lo spaventó ma solo un poco. Pensó che fosse molto piú comodo mantenere con indifferenza gli occhi e la mente chiusi e seguire con il pregiudizio e il conformismo di sempre… Ma imporre la stupiditá é l´essenza del fascismo.” Di tutte le cose giuste che il lettore dice, queste due mi sembrano le più azzeccate e fondamentali: non esiste gente più ricca di pregiudizi o di più profondamente conformista del pubblico di sinistra, o ex-comunista, o come diavolo lo vogliamo chiamare, tanto le sue fattezze sono sempre le stesse. Inoltre, come hanno imparato i più illustri tra i comunisti pentiti, non vi sono anime al mondo più pervicacemente e stupidamente intolleranti o fasciste. La somma delle due caratteristiche fa sì che, a ragion veduta, si possa ridurre il tutto a un elementare assioma. Tempo fa una scrittrice repubblicana statunitense intitolò un suo nuovo saggio “Se i democratici fossero più intelligenti, sarebbero repubblicani”. Ottimo, ma non sufficiente. La verità (se a qualcuno effettivamente interessa) è che, a trovarselo davanti, il popolo di sinistra pone quasi sempre lo stesso incalzante dubbio: ma ci fanno, o ci sono? Perché non esiste altra alternativa per essere così come loro sono: o sono dei gran fessi, o sono in perfetta malafede.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi